Versione accessibile | Mappa del sito | Contatti
A A
 area di lavoro » Diocesi di Treviso » Notizie » Aperta una Porta santa all'ospedale Ca' Foncello 
Apre una Porta santa all'ospedale Ca' Foncello   versione testuale
Martedì 1° novembre la cerimonia







L’Anno Santo della Misericordia si avvia alla conclusione con l’apertura di una Porta Santa all’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso. La cerimonia si terrà martedì 1° novembre, Solennità di Tutti i Santi, presso la chiesa dell’Ospedale trevigiano. La Porta resterà aperta fino al 13 novembre prossimo.
Per concessione del vescovo di Treviso monsignor Gianfranco Agostino Gardin – come aveva annunciato in occasione della sua visita al principale polo ospedaliero trevigiano, accogliendo l’invito della Direzione dell’Azienda - da martedì 1° novembre fino a domenica 13 novembre, per i fedeli sarà possibile acquistare l’Indulgenza Plenaria della Misericordia varcando la Porta della Cappella ospedaliera del Ca’ Foncello (secondo piano). La Chiesa rimarrà accessibile come di consueto dalle 7.00 alle 19.00 e sarà sempre presente un sacerdote per confessare e incontrare i fedeli che lo desiderano.
La cerimonia di apertura si terrà nella festa di Tutti i Santi (1° novembre) alle 10.30, seguita dalla Santa Messa presieduta da monsignor Adriano Cevolotto, vicario generale della Diocesi di Treviso. Quella di chiusura si terrà alla stessa ora di domenica 13 novembre, presieduta da monsignor Antonio Guidolin, direttore dell'ufficio diocesano di Pastorale della Salute.
“Ci rendiamo conto di essere di fronte ad un evento eccezionale – rileva il direttore generale dell'Ulss 9 Francesco Benazzi in una nota - come lo è lo stesso Anno Santo proclamato da papa Francesco. E’ veramente un appuntamento che entrerà nella storia del nostro ospedale. Ringrazio il Vescovo di aver accolto la nostra richiesta a nome dell’Azienda, di tutti i suoi operatori e di tutti i nostri pazienti che potranno beneficiare di questa considerazione. L’ospedale è per natura un luogo di Misericordia e questo evento lo sottolinea”.